,

3 FEBBRAIO 2023 CESSIONE RAMI DA BPER-BDS A BANCO DESIO E DELLA BRIANZA

VERBALE DI ACCORDO

 

INDICE:
Premesse – Premesse
Articolo 1 – Premesse
Articolo 2 – Efficacia dell’operazione
Articolo 3 – Trattamenti economico normativi
Articolo 4 – Mansioni e Inquadramenti
Articolo 5 – Assistenza sanitaria integrativa, polizza infortuni
Articolo 6 – Previdenza complementare
Articolo 7 – Ferie e permessi
Articolo 8 – Premio Aziendale – Scelta del dipendente e speciale erogazione – Conto welfare
Articolo 9 – Mutui, finanziamenti
Articolo 10 – Part Time
Articolo 11 – Mobilità territoriale
Articolo 12 – Formazione
Articolo 13 – Prestazioni aggiuntive
Articolo 14 – Buoni pasto
Articolo 15 – Procedimenti disciplinari e valutazione della prestazione
Articolo 16 – Fondo di Solidarietà, prestazioni straordinarie
Articolo 17 – Ex premio di rendimento
Articolo 18 – Assegno ad personam
Articolo 19 – Indennità di ruolo
Articolo 20 – Altri trattamenti economici
Articolo 21 – Pari opportunità, politiche di inclusione e trattamenti delle risorse
Articolo 23 – Ulteriori salvaguardie
Articolo 24 – Norme finali

 

Lì, Modena/Desio 3 febbraio 2023

tra

Banco di Desio e della Brianza S.p.A.

BPER Banca S.p.A.

Banco di Sardegna S.p.A. 

e le

 

Delegazioni delle Organizzazioni Sindacali

  • FABI DEL GRUPPO BPER BANCA S.p.A. nelle persone di Antonella Sboro, Alessandro Mutini, Stefano Seghezza, Biasizzo Renato, Del Soldato Scavino Stefano, Montanaro Daniele, Panfietti Luca, Pierluigi Baldini, Giuseppe De Felice, Adriano Di Martino, Emanuele Cabboi, Andrea Zucchi, Alessandro Frontini, Giuseppe Imperio, Alberto Loda, Antonio Giovanni Vavassori, Alfredo Villa, Rossella Penserini, Lanfranco Nanetti, Rossella Orlando, Antonella Favoino, Stefano Rossi Mel, Federica Padovani, Laura Querzè, Mauro Bertolino, Vincenzo Persico, Massimo Morelli, Antonio Patera, Fabio Maravalli, Giuseppe Galleri, Giovanni Dell’Aquila;
  • FIRST CISL DEL GRUPPO BANCA S.p.A. nelle persone di Emilio Verrengia, Elisabetta Artusio, Alberto Broggi, Maurizio Davi, Franca Fancellu, Filippo Antonio Roberto Fiori, Michele Fiscarelli, Andrea Pisu, Salvatore Porcu, Mario Raimondi, Sabrina Schieri, Gianpietro Spigone, Andrea Anguissola, Antonella Manca, Luca Mellano, Marco Militerno, Giulio Olivieri, Efisio Paulis, Eva Pellegrini, Marco Piccolo, Antonio Polcaro, Patrizia Severi, Roberto Simonazzi, Alberto Staffa, Matteo Muzio, Fabrizio Mattioli, Francesco Melis, Matteo Paganini, Massimiliano Perona, Raffaella Ravarra, Bruna Massa;
  • FISAC CGIL DEL GRUPPO BANCA S.p.A. nelle persone di Nicola Cavallini, Pasquale Bruno Lorenzo, Andrea Matteuzzi, Alessandro Lobina, Marco Del Brocco, Eleonora Orlandi, Paolo Salati, Glorita Unida, Anna Trovato, Carlo Gallinotti, Valentina Zema, Maria Agueci, Claudia Cappelli, Sergio Urtis, Fabio Venè;
  • UILCA DEL GRUPPO BPER BANCA S.p.A. nelle persone di Giovanni Dettori, Marco Aversa, Paolo Tassi, Claudia Dabbene, Alessandra Piccoli, Pierre D’Alessio, Antonio Continolo, Luca Cremonini, Alberto Forlai, Claudio Migliorini, Francesco Mastino, Rino Tramuto, Aldo Vallarelli, Mario Rosario Azzaro, Francesco Battaglia, Barbara Arienti, Piero Mele, Michele Mannu, Dario Tognoli, Maria Luisa Serina, Mauro Corte, Sandro Marchese, Antonino La Rosa;
  • UNISIN DEL GRUPPO BPER BANCA S.p.A. nelle persone di Andrea Bonvicini, Claudio Febbraro, Alessia Ronchetti, Raffaello Andalò, Domenico Sechi, Manuel Mari, Luca Troilo, Fortunato Bruno, Matteo Bruni, Marco Pegolo, Nicola Scognamiglio, Maria Angela Angeretti, Mauro Sangiorgio, Matteo Bruni, Alessandro Pellicoro, Samantha Burzi, Simone Menichini, Mirko Menicacci, Roberto Venturelli, Alberto Carloni, Paolo Bellotti, Sara Brancolini, Marco Farfanelli, Federico Soliani Raschini, Sabrina Balducchi, Fabio Massini;
  • FABI DI BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.p.A. nelle persone di Francesco Cornaglia, Giusy Conoscenti, Luigi Guccione;
  • FIRST CISL DI BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.p.A. nella persona di Sergio Torchio;
  • UILCA DI BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.p.A. nelle persone di Emanuele Trama, Barbara Corrao;
  • UNISIN DI BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.p.A. nella persona di Alberto Galbiati;

 

premesso che: 

  1. in data 3 giugno 2022, BPER Banca S.p.A. (di seguito “BPER”) ha completato l’operazione di acquisizione dal Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi e dallo Schema Volontario di Intervento, del 79,418% del capitale sociale di Banca Carige S.p.A. (di seguito “Carige”);
  2. BPER dichiara che nel contesto della suddetta operazione, il 3 giugno 2022 ha altresì sottoscritto con Banco di Desio e della Brianza S.p.A. (di seguito “Banco Desio”) un accordo per la cessione a quest’ultimo di due distinti rami d’azienda (di seguito la “Cessione”), composti da n. 8 sportelli bancari di proprietà di Banco di Sardegna S.p.A. (di seguito “Banco di Sardegna” o Bds) e da n. 40 sportelli di proprietà di Banca Carige alla data del 3 giugno 2022 divenuti di proprietà di BPER alla data di sottoscrizione del presente accordo (rispettivamente, il “Ramo BdS” e il  “Ramo Carige”, congiuntamente i “Rami di azienda”);
  3. le Aziende dichiarano che la cessione dei Rami di azienda a Banco Desio, prevista nel primo trimestre del 2023, oltre a prevenire l’insorgere di potenziali tematiche antitrust, consentirà al cessionario Banco Desio e all’omonimo gruppo bancario di implementare i segmenti di clientela prioritari nel proprio modello di business, con sinergie di costi e di ricavi, contribuendo al percorso di consolidamento della propria vocazione di banca del territorio, in coerenza con il perseguimento degli obiettivi definiti nel Piano Industriale per gli anni 2021-2023, offrendo un’opportunità di stabilità e crescita professionale ai dipendenti dei Rami di azienda;
  4. le OO.SS., preso atto dell’operazione e della conseguente determinazione del perimetro costituente i Rami d’azienda come definiti, dichiarano di non averla condivisa, in quanto dalle stesse ritenuta giustificata da ragioni di opportunità commerciale oltre che da potenziali tematiche di antitrust;
  5. le OO.SS., preso atto della dichiarata valenza strategico industriale dell’operazione, ritengono imprescindibile la salvaguardia e l’incremento dei livelli occupazionali, tenendo conto dell’organico delle filiali acquisite; la tutela dei territori, la tutela e la valorizzazione della storia e delle professionalità dei colleghi che essa determinerà;
  6. con lettera congiunta del 27 luglio 2022 – qui richiamata e da intendersi integralmente trascritta – è stata fornita alle competenti Organizzazioni Sindacali ai sensi di legge e di contratto la prescritta informativa in merito alla Cessione, avviando la relativa procedura;
  7. nell’ambito dell’informativa di cui alla lettera f) che precede le Aziende hanno specificamente individuato i Rami d’Azienda oggetto di cessione, il cui personale, verificato alla data del 27/07/2022, corrisponde a n. 265 dipendenti;
  8. per l’effetto di quanto sopra, il 3 agosto 2022 è stata attivata la fase di consultazione e di esame congiunto con le Delegazioni delle OO.SS. in epigrafe, ai sensi di quanto disposto dall’art. 47 della legge n. 428 del 29 dicembre 1990, nonché dalle vigenti disposizioni contrattuali dandosi atto di voler procedere nella trattativa alla ricerca di un’intesa condivisa;

 

tutto ciò premesso le Parti come in epigrafe indicate,

hanno raggiunto il seguente accordo

 

 

Articolo 1 – Premesse

Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente accordo, che è unitario e inscindibile in ogni sua parte.

Articolo 2 – Efficacia dell’operazione

Dalla data di efficacia giuridica dell’operazione, prevista nel primo trimestre del 2023 con decorrenza a oggi programmata per il 20 febbraio 2023, la titolarità di tutti i rapporti di lavoro dei dipendenti dei Rami di azienda di cui alle premesse in organico alla data di efficacia dell’operazione, prosegue  senza soluzione di continuità, presso Banco Desio, con la conservazione e applicazione di tutti i diritti che ne derivano ai sensi di legge e del CCNL del settore credito tempo per tempo vigente, fatto salvo quanto espressamente previsto dal presente accordo.

Alla data della firma dell’accordo il personale originariamente individuato in 265 unità risulta essere pari a 253, tenuto conto delle cessazioni tempo per tempo intervenute.

Le OO.SS. raccomandano alle Aziende di valutare con attenzione la tempistica del passaggio, garantendo livelli di sicurezza adeguati, tenendo conto delle oggettive condizioni territoriali oltre che degli adempimenti che ricorrono nell’ultima decade del mese.

 Articolo 3 – Trattamenti economico normativi

  1. Al Personale interessato dalla Cessione continueranno a essere applicati la contrattazione collettiva nazionale di lavoro del settore del credito tempo per tempo vigente, nonché tutte le normative nazionali di settore e leggi tempo per tempo vigenti che disciplinano specifiche materie. Il personale interessato dalla Cessione conserverà l’inquadramento attribuito, l’anzianità di servizio, anche convenzionale, maturata alla data di efficacia della cessione nonché i trattamenti economici in essere alla medesima data, salvo quanto disposto dal presente accordo.
    Nei confronti del Personale trasferito saranno mantenute inoltre tutte le pattuizioni, a carattere individuale, gli assegni ad personam e i trattamenti di varia natura, con corresponsione periodica, sottoscritti e/o riconosciuti individualmente e/o collettivamente prima della cessione del ramo d’azienda e già in godimento come retribuzione fissa a tale data con le medesime modalità e salvaguardando la natura delle proprie caratteristiche (a titolo esemplificativo e non esaustivo eventuali indicizzazioni, riparametrazioni, dinamicità, rivalutazione, ecc.) definite, anche negli specifici sottostanti accordi individuali (quali, a titolo esemplificativo e non esaustivo, i patti di stabilità e di non concorrenza ) nelle aziende cedenti, ferma restando la necessaria compatibilità con le politiche di remunerazione vigenti  in applicazione di quanto disposto dai Regolatori Nazionali ed Europei.

Rimangono in ogni caso garantite le contribuzioni datoriali relative alla previdenza complementare in essere all’atto del trasferimento come meglio specificato nel successivo articolo 6 a tale materia dedicato.

  1. Per quanto non stabilito nel presente accordo, a ciascun dipendente ceduto continueranno altresì ad applicarsi, fino ad armonizzazione e non oltre la data del 30 Settembre 2024, le normative di secondo livello vigenti ed applicate al personale trasferito alla data di efficacia giuridica della Cessione in relazione al proprio rapporto in essere presso l’azienda cedente sua datrice di lavoro (Banco di Sardegna e per il ramo Carige la normativa ex Carige), nonché i relativi trattamenti economico normativi (inclusa la previsione dell’Accordo del Gruppo Bper 01.07.2022 art. 6).

Banco Desio si impegna ad avviare sin dalla data della cessione una trattativa con le relative OO.SS. aziendali, da concludere entro il 30 Settembre 2024, volta ad approfondire il futuro impianto contrattuale di secondo livello applicabile a decorrere dal 1 ottobre 2024, o secondo le decorrenze previste dall’accordo di armonizzazione, con ciò avviando la negoziazione di un percorso di armonizzazione dei trattamenti con quelli applicati a tutto il personale di Banco Desio.

Nel caso in cui non si raggiungesse l’accordo di armonizzazione entro il 30 giugno 2024, le Parti s’incontreranno, entro il 30 settembre 2024, per ricercare un’ulteriore soluzione condivisa, ferma restando l’applicazione di quanto stabilito agli articoli 5), 6), 10), 11), 17), 18), 19), 20) anche successivamente alla predetta scadenza del 30 settembre 2024.

Articolo 4 – Mansioni e Inquadramenti

  1. Dalla data di efficacia giuridica della Cessione, il Personale interessato da tale operazione sarà adibito, compatibilmente con le esigenze tecniche, organizzative e produttive della cessionaria Banco Desio, alle medesime mansioni assegnate al momento della cessione o comunque a mansioni in linea con la professionalità e l’inquadramento previsto per le mansioni da ultimo svolte, nel rispetto di quanto previsto dal CCNL vigente e nel rispetto dei percorsi professionali maturati e in maturazione.
  2. In applicazione di quanto previsto all’art. 3 del presente accordo qui richiamato, resta inteso che dalla data di cessione al personale coinvolto continueranno ad essere applicati i percorsi professionali previsti nelle aziende di provenienza fatto salvo quanto sarà stabilito nell’accordo di armonizzazione (equiparazione dei ruoli con Desio). Comunque, ai dipendenti dei rami ceduti che, alla data di sottoscrizione dell’accordo di armonizzazione, avranno maturato almeno il 70 % del percorso di maturazione sarà riconosciuto l’inquadramento o la provvidenza economica prevista negli accordi delle aziende di provenienza.

Ai dipendenti di cui sopra che alla data del 30 settembre 2024 avranno maturato almeno il 70% del periodo necessario all’ottenimento dell’avanzamento o della provvidenza in corso di maturazione (step), sarà comunque riconosciuto dal 1° ottobre 2024 l’inquadramento o la provvidenza economica previsti, fatto salvo quanto sarà stabilito nell’ accordo di armonizzazione.

Con riguardo ai ruoli ricoperti dai dipendenti ceduti al momento dell’efficacia giuridica dell’operazione presso le aziende cedenti, si individuano i corrispondenti ruoli di riferimento presso la cessionaria Banco Desio di cui alla seguente tabella:

EX CARIGEBPER/BdSBanco Desio
Mass Marketcollaboratore family/poeGestore Privati
Gestore Affluentreferente personalGestore Affluent
Gestori Small Businessreferente small businessGestore Small Business
Gestore Impreseconsulente imprese/corporate relationship managerGestore Imprese
Gestore Privatereferente privatePrivate Banker

Articolo 5 – Assistenza sanitaria integrativa, polizza infortuni

  1. Tutti i dipendenti del Ramo ex Carige interessati dalla Cessione e già beneficiari di forme di assistenza sanitaria integrativa presso l’azienda di provenienza, potranno volontariamente iscriversi, a decorrere dalla data di efficacia giuridica della Cessione stessa, alla Cassa di Assistenza Sanitaria in essere presso la cessionaria Banco Desio, accedendo alle medesime coperture e alle medesime condizioni tempo per tempo previste per tutti i Dipendenti di Banco Desio.
  2. Tutti i dipendenti del Ramo BdS interessati dalla Cessione e già beneficiari di forme di assistenza sanitaria integrativa presso l’azienda di provenienza per l’intero anno 2023, potranno volontariamente iscriversi, a decorrere dal 01/01/2024, alla Cassa di Assistenza Sanitaria in essere presso la cessionaria Banco Desio, accedendo alle medesime coperture e alle medesime condizioni tempo per tempo previste per tutti i Dipendenti di Banco Desio.
  3. Tutti i dipendenti interessati dalla Cessione e già beneficiari di copertura infortuni professionali ed extraprofessionali presso l’azienda di provenienza, a decorrere dalla data di efficacia giuridica della Cessione stessa saranno destinatari delle coperture infortuni professionali ed extraprofessionali tempo per tempo vigenti di Banco Desio.
  4. Tutti i dipendenti interessati dalla Cessione, a decorrere dal 1° giugno 2023 saranno destinatari delle coperture Temporanea Caso Morte (T.C.M.) tempo per tempo vigenti per il personale di Banco Desio, fermo restando che le coperture relative alla premorienza e invalidità già attivate presso l’azienda cedente alla data di efficacia giuridica della cessione per le risorse del ramo ex Carige che ne avessero opzionato l’attivazione, verranno comunque mantenute fino al 31 maggio 2023. In funzione di tale riconoscimento, a decorrere dal 1° giugno 2023, ferme restando le previsioni di cui all’art. 6) che segue, il contributo alla previdenza complementare a carico di Banco Desio per i dipendenti ceduti del ramo ex Carige si intende pari a quanto riportato dall’accordo ex Gruppo Carige 19/12/2013 art. 4 lett. b) per il caso di riconoscimento di previsioni in materia di premorienza e invalidità.

Articolo 6 – Previdenza complementare

Nei confronti dei dipendenti dei rami ceduti già iscritti alla previdenza complementare, ferma restando la previsione di cui all’art. 5) punto 4 che precede, a decorrere dalla data di efficacia giuridica della Cessione continuerà a trovare applicazione presso la cessionaria Banco Desio la contribuzione loro applicata nelle aziende di provenienza (BdS e Carige e accordo Gruppo BPER 5 Novembre 2022), ivi compreso il riconoscimento del contributo a carico azienda nella misura e alle condizioni previste, esclusivamente nel caso risulti:

  1. alla data di efficacia giuridica dell’operazione, mantenuta la pregressa l’iscrizione a uno dei seguenti Fondi di Previdenza integrativa:
    • Fondo Previp;
    • Fondo Arca;
    • Fondo Multifond (fatte salve le necessarie verifiche tecnico/amministrative in considerazione della specifica natura di tale Fondo);
  2. effettuata entro il 31 maggio 2023 – l’iscrizione al fondo Previp, o ad altro Fondo di previdenza previsto in Banco Desio, per coloro che presso BdS fossero stati iscritti al fondo FAP. In questo caso, la contribuzione a carico Azienda sarà riconosciuta da Banco Desio anche per il periodo intercorrente dalla data della cessione alla data di iscrizione al Fondo.

Ferme restando le disposizioni legislative e regolamentari in materia di previdenza complementare tempo per tempo vigenti, a decorrere dalla data di efficacia giuridica della cessione, al Personale trasferito e iscritto alla previdenza complementare di cui al sopra riportato punto 1. sarà data altresì la possibilità di permanere iscritto ai fondi a cui attualmente aderisce oppure di iscriversi in qualsiasi momento al Fondo Pensione Previp, o ad altro Fondo previsto in Banco Desio, mantenendo la contribuzione aziendalmente prevista come sopra richiamato con la possibilità inoltre di trasferire la propria posizione previdenziale maturata.
Resta fermo che la contribuzione aziendale e complessiva prevista esclusivamente nelle ipotesi sopra disciplinate avrà la stessa decorrenza della data di efficacia giuridica della Cessione.
Alle risorse non iscritte alla previdenza complementare alla data di efficacia giuridica della cessione saranno applicate, in caso di adesione successiva al Fondo di previdenza Previp, o ad altro Fondo previsto in Banco Desio, le previsioni tempo per tempo vigenti presso la cessionaria Banco Desio, ivi compreso il riconoscimento della contribuzione aziendale, a partire dal mese successivo all’adesione.

Articolo 7 – Ferie e permessi

Per quanto attiene alle dotazioni maturate dal Personale interessato dalla Cessione, quali eventuali ferie arretrate, ore accumulate nella banca delle ore nei limiti delle disposizioni contrattualmente previste, festività soppresse e permessi ex art. 104, c. 6, del CCNL vigente, alla data di efficacia della Cessione, Banco Desio subentra in tutte le posizioni di debito/credito maturate dai dipendenti presso l’azienda cedente con conseguente fruibilità di tali dotazioni da parte del personale ceduto (a giornate intere con riguardo alle ferie), comprensive di eventuali ulteriori spettanze maturate e non godute  (ivi compresi i “recuperi” maturati e non goduti a fronte della formazione “da casa” fruita dagli ex dipendenti Banca Carige in forza delle previgenti previsioni contrattuali).

 

Articolo 8 – Premio Aziendale – Scelta del dipendente e speciale erogazione – Conto welfare

A decorrere e con effetto dalla data di efficacia giuridica della Cessione ed esclusivamente a partire dal premio aziendale di competenza 2023, erogazione 2024, i Dipendenti ceduti saranno destinatari delle previsioni tempo per tempo vigenti in materia di premio aziendale presso la cessionaria Banco Desio. Le aziende manterranno a loro carico la quota degli eventuali premi aziendali di competenza del 2022 e 2023 maturati e non erogati sino alla data di cessione e Banco Desio gestirà operativamente quanto le cedenti avranno trasferito.

L’eventuale credito welfare residuo di pertinenza dei dipendenti ceduti, già maturato e non ancora fruito alla data di efficacia giuridica della cessione, verrà trasferito dalle aziende cedenti e verrà gestito secondo le normative e le modalità operative previste in Banco Desio che gestirà operativamente il riconoscimento di tali importi, trasferiti alla cessionaria.

 

Articolo 9 – Mutui, finanziamenti

  1. A decorrere dalla data di efficacia giuridica della Cessione, nei confronti dei dipendenti ceduti, Banco Desio garantisce il mantenimento dei finanziamenti per mutui, affidamenti e prestiti già erogati alla data di efficacia della Cessione, e condizioni e misure in essere presso la cedente. Per mutui e finanziamenti già deliberati ma non ancora erogati, Banco Desio applicherà le condizioni economiche previste dalle relative delibere Con riguardo agli specifici finanziamenti già erogati ai dipendenti del Ramo Carige a titolo di prestiti dell’azienda con rateazione mensile in corso tramite trattenuta in cedolino dalle spettanze retributive, Banco Desio garantisce la prosecuzione del piano di ammortamento alle medesime condizioni già in essere, individuando le più opportune modalità operative di pagamento delle rate residue previste.
  2. A decorrere dalla data di efficacia giuridica della Cessione, per le nuove richieste di finanziamento per mutui, affidamenti e prestiti, nei confronti dei dipendenti ceduti, troveranno applicazione le previsioni in materia tempo per tempo vigenti presso Banco Desio, compreso lo scoperto di conto previsto in Banco Desio.

 

Articolo 10Part Time

Il Personale dipendente acquisito con rapporto di lavoro a tempo parziale conserverà anche alle dipendenze di Banco Desio il contratto a tempo parziale già in essere alla data di efficacia giuridica dell’operazione di acquisizione, alle stesse condizioni pattuite, fatti salvi esclusivamente gli eventuali adeguamenti di orario che si rendano necessari a causa del mutato orario di lavoro applicato presso la struttura di assegnazione, anche nel caso di diversa assegnazione, nella misura massima di 30 minuti relativi all’orario di ingresso e/o uscita.

Le lavoratrici ed i lavoratori acquisiti con contratto di lavoro a tempo parziale, che saranno adibiti a strutture dove sono previsti orari su turni, manterranno fino a scadenza le medesime condizioni pattuite presso le aziende cedenti, fatti salvi esclusivamente gli eventuali adeguamenti di orario che si rendano necessari a causa del mutato orario di lavoro applicato presso la struttura di assegnazione, anche nel caso di diversa assegnazione, nella misura massima di 30 minuti relativi all’orario di ingresso e/o uscita.

I rapporti di lavoro a tempo parziale in scadenza entro il 31/12/2024 saranno prorogati automaticamente di 24 mesi, salvo diversa richiesta della lavoratrice o del lavoratore, alle stesse condizioni previste dai contratti individuali, salvo eccezionali ragioni tecnico/organizzative/produttive. Le domande di trasformazione di rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale già presentate presso le aziende cedenti saranno tenute in considerazione da Banco Desio.

 

Articolo 11Mobilità territoriale

In conseguenza della Cessione in parola non deriveranno ricadute in termini di mobilità territoriale, fatte salve le richieste di trasferimento su base volontaria.

Ai dipendenti ceduti, e fino ad eventuale avvicinamento entro 30 km dalla propria residenza o domicilio, continueranno a trovare applicazione, ricorrendone gli inerenti presupposti, i trattamenti economici loro applicati in materia di mobilità territoriale presso le Banche cedenti alla data di efficacia giuridica della cessione.

Le richieste di rientro e/o avvicinamento presentate da dipendenti delle aziende cedenti trasferiti e non percettori di alcun trattamento di mobilità saranno prese in carico da Banco Desio dietro nuova richiesta che potrà essere avanzata dalla data dell’acquisizione.

Analoga possibilità sarà garantita al personale attualmente assegnato fuori comune di residenza/domicilio e che, dopo il trasferimento di ramo, richieda di essere avvicinato in unità produttiva ubicata nel comune di residenza o domicilio o comunque vicino allo stesso. In tal caso, fatte salve le priorità di legge, l’Azienda avrà particolare attenzione anche verso le lavoratrici in stato di gravidanza e i genitori con figli di età inferiore agli 8 anni.

Fermo restando quanto sopra, in ogni caso, ai dipendenti delle Banche Cedenti verranno riconosciuti i trattamenti in materia qualora questi venissero maturati entro il 30/09/2024.

 

Articolo 12 – Formazione

Le parti concordano che la formazione svolga un ruolo fondamentale per la riconversione di ruoli professionali, pertanto sarà all’occorrenza previsto un periodo d’intensa formazione che potrà superare i livelli previsti dal CCNL. Tenuto conto della riconversione necessaria ad un corretto utilizzo di sistemi informatici differenti, contestuale all’acquisizione, si è reso e si rende necessario uno straordinario ed intensivo intervento di addestramento da parte del personale interno qualificato a supporto dell’operatività conseguente alla presente procedura.

Gli interventi formativi/addestrativi di riqualificazione professionale saranno realizzati, ove non già fatto, in relazione alle posizioni da ricoprire e tenendo in considerazione le conoscenze e professionalità già acquisite dagli addetti interessati dalla presente procedura, attraverso percorsi relativi all’entrata in ruolo e specifica formazione tecnica volta a colmare eventuali necessità delle risorse e al fine di non disperdere le competenze acquisite e siano anzi valorizzate per un più proficuo inserimento in Banco Desio.I corsi potranno essere integrati da affiancamenti professionali.

Eventuali ulteriori necessità potranno essere rappresentate dalle risorse stesse in ogni momento al proprio titolare/responsabile al fine di ricercare la modalità più opportuna attraverso cui intervenire.Le indicate iniziative formative potranno essere attuate anche avvalendosi degli appositi strumenti nazionali e/o comunitari e/o contrattuali, in particolare quelli di settore, con specifico riferimento al Fondo Banche e Assicurazioni (FBA) ed alle prestazioni ordinarie di cui all’art. 5, comma 1 – lettera a), punto 1 del Decreto Interministeriale nr. 83486, previo accordo ai sensi dell’art. 7 dello stesso.

Su richiesta delle parti potranno essere attivati appositi momenti di verifica.

 

Articolo 13 – Prestazioni aggiuntive

Le prestazioni aggiuntive di cui all’art. 110 CCNL del 19/12/2019, a decorrere dalla data di efficacia giuridica dell’operazione, verranno regolate secondo le previsioni del suddetto CCNL.


DICHIARAZIONE DELL’AZIENDA

Banco Desio, in linea con le previsioni contrattuali, conferma che l’Azienda contiene le richieste di prestazioni aggiuntive/straordinarie, limitandole a evenienze del tutto eccezionali ed esclusivamente per i casi di particolare urgenza e necessità.


Articolo 14 – Buoni pasto

Ferme restando le previsioni di cui all’art. 3 del presente accordo, a decorrere dalla data di efficacia giuridica della cessione, il riconoscimento al personale ceduto dell’intero valore spettante a titolo di buono pasto, avverrà esclusivamente tramite l’erogazione di corrispondente buono pasto in formato elettronico.

 

Articolo 15 Procedimenti disciplinari e valutazione della prestazione

Anche ai sensi dell’art. 48 del CCNL del 19 dicembre 2019, in relazione ad eventi correlati ad attività svolte nel periodo dell’armonizzazione e per i 15 mesi successivi, Banco Desio terrà conto delle eventuali disfunzioni organizzative, delle modalità operative/normative differenti, delle necessità formative e/o addestrative e/o di affiancamento, anche in ordine alla conoscenza di norme, processi e organizzazione aziendale, per episodi e/o situazioni problematiche che coinvolgano le/i colleghe/i, tutto ciò al fine di salvaguardare le lavoratrici e i lavoratori e con l’obiettivo di tutelare gli stessi da rischi patrimoniali e/o disciplinari. Analoghe situazioni saranno considerate anche nell’ambito del processo di valutazione del personale, prevedendo, laddove necessario, ulteriore formazione, addestramento, affiancamento.

Per le attività svolte sino alla data di efficacia giuridica dell’operazione di Cessione, nei confronti dei dipendenti ceduti adibiti alle attività relative a provvedimenti a sostegno dell’economia indotti dall’emergenza pandemica (Covid 19) restano confermate le previsioni riportate nell’accordo ex Gruppo Carige del 16 luglio 2020.

 

Articolo 16 – Fondo di Solidarietà, prestazioni straordinarie

Gli accordi sottoscritti con le OO.SS da parte delle Aziende cedenti in materia di fondo di solidarietà – sezione straordinaria – continueranno a trovare piena e completa applicazione in Banco Desio per le cessazioni di dipendenti – la cui adesione alle previsioni dei predetti accordi di accesso alle prestazioni straordinarie del suddetto Fondo sia già stata accolta dall’Azienda cedente – che, alla data di efficacia giuridica della cessione, dovessero ancora intervenire e continueranno ad essere applicate le previsioni definite in detti accordi riferite ai trattamenti accessori/assistenza sanitaria integrativa, laddove spettanti secondo le norme definite negli accordi stessi.

 

Articolo 17 – Ex premio di rendimento

Il personale ceduto, qualora già percettore dell’ex Premio di Rendimento in ottemperanza alle disposizioni di cui all’art 49 c. 6 CCNL 19/12/2019, continuerà a percepire anche successivamente alla data di effettiva cessione la quota di tale Premio di Rendimento eccedente lo standard di settore eventualmente percepita presso la rispettiva Banca di provenienza in applicazione delle inerenti previsioni di CCNL, la quale manterrà le caratteristiche attuali. 

 

Articolo 18 – Assegno ad personam

Il personale ceduto, qualora già percettore ai sensi della normativa dell’ex Gruppo Carige dell’Assegno ad personam di cui all’articolo 16 dell’Accordo 30/9/2014, conserverà anche successivamente alla data di effettiva cessione il suddetto istituto con le medesime caratteristiche attuali.

Articolo 19 – Indennità di ruolo

Per il personale ceduto e in costanza di ruolo alla data di effettiva cessione, l’indennità di ruolo ex accordo ex Carige 17 luglio 2014 (art.5) verrà assorbita, fino a concorrenza, da istituti della medesima natura comunque denominati, eventualmente spettanti ai sensi della normativa vigente tempo per tempo presso Banco Desio, con riconoscimento fino a eventuale adibizione dell’interessato ad altra mansione.

Articolo 20 – Altri trattamenti economici

Per il personale attualmente beneficiario dei seguenti trattamenti si prevede quanto segue:

  1. Assegni di anzianità
    Gli “Assegni di Anzianità” sostitutivi o integrativi dell’Assegno di Anzianità di cui alla Contrattazione Nazionale saranno mantenuti secondo la previgente normativa anche successivamente alla data dell’effettiva cessione con le medesime caratteristiche attuali.
  2. Indennità 2014
    “L’indennità 2014” di cui all’accordo ex Carige17 luglio 2014 art. 6 verrà mantenuta secondo le regole definite all’art. 6 dello stesso accordo anche successivamente alla data dell’effettiva cessione e verrà assorbita, fino a concorrenza, da istituti della medesima natura, eventualmente spettanti ai sensi della normativa tempo per tempo vigente presso Banco Desio.
  3. Indennità 2016
    “L’ indennità 2016” di cui all’accordo ex Carige 28 ottobre 2016 verrà mantenuta secondo le regole definite all’art. 4 dello stesso accordo anche successivamente alla data dell’effettiva cessione e non è cumulabile con istituti eventualmente spettanti ai sensi della normativa vigente presso Banco Desio.

 

Articolo 21 – Pari opportunità, politiche di inclusione e trattamenti delle risorse

Banco Desio riconoscerà a tutti i dipendenti in servizio presso i rami di azienda acquisiti pari opportunità sul piano di occasioni di sviluppo personale e professionale rispetto al personale già dipendente di Banco Desio, nell’ambito dei modelli organizzativi e produttivi attualmente applicati a tutti i lavoratori. Banco Desio conferma particolare attenzione alla valorizzazione del patrimonio umano e professionale esistente. Banco Desio conferma la volontà di adottare politiche che attraverso un ambiente lavorativo aperto sostengano l’inclusione, fornendo supporti adeguati.

 

Articolo 22 – Iscrizioni ed agibilità sindacali Banco Desio manterrà senza soluzione di continuità, l’iscrizione del Personale alle Organizzazioni Sindacali firmatarie del presente accordo cui ciascun interessato abbia aderito alla data del trasferimento. Sino al 31/12/2023 Banco Desio accorderà le prerogative previste per i Dirigenti RSA ai dipendenti ceduti che ricoprivano tale incarico alla data del trasferimento.

 

Articolo 23 – Ulteriori salvaguardie

Banco Desio, in coerenza con quanto affermato nelle premesse in tema di perseguimento degli obiettivi del proprio piano industriale, allo stato non prevede che le filiali acquisite siano oggetto di chiusura/cessione, per un periodo di almeno 12 mesi dall’efficacia giuridica dell’operazione, ribadendo altresì il proprio impegno alla salvaguardia e dei livelli occupazionali.

Articolo 24 – Norme finali

Con la sottoscrizione del presente accordo le parti convengono di considerare esaurite le procedure avviate in applicazione dell’articolo 47 della Legge 428/90 e delle previsioni contrattuali.

Le Aziende:
Banco di Desio e della Brianza S.p.A.  – BPER Banca S.p.A. (anche in qualità di Capogruppo in nome e per conto delle società interessate)

Le Organizzazioni Sindacali:
FABI – FIRST CISL – FISAC CGIL  – ILCA  – UNISIN

Apri/scarica l'accordo
Lettera a latere condizioni c/cLettera a latere erogazione cessioneLettera a latere erogazione welfare