NON PRENDETEVI RISCHI… RISPETTATE LE REGOLE! V. 1

 

Notevolmente aumentate le sanzioni disciplinari comminate a colleghi.

Negli ultimi mesi assistiamo a un preoccupante aumento di contestazioni disciplinari cui spesso conseguono sanzioni, talvolta anche molto gravi.

Le ragioni che stanno favorendo questo fenomeno sono molteplici:

  • i cambiamenti organizzativi repentini e frequenti
  • i tempi sempre più compressi degli affiancamenti per l’introduzione a nuovi compiti e ruoli
  • le normative in continua evoluzione
  • la carenza di personale
  • la carenza di formazione
  • la mancanza di tempo oggettivo per poter leggere scrupolosamente le circolari
  • l’abitudine piuttosto diffusa di soprassedere e/o essere elastici sulle normative e disposizioni aziendali al fine di favorire la clientela allo scopo di non crearle perdite di tempo o scocciature.

Il nostro ruolo di sindacalisti ci impone di lavorare affinché alcune di queste problematiche vengano rimosse a monte: lo facciamo incontrando l’Azienda per cercare di aumentare la formazione, evitare diminuzioni non giustificate di personale, cercando le soluzioni affinché ci sia lo spazio e il tempo perché una risorsa che cambi ruolo abbia a disposizione il tempo sufficiente per acquisire le conoscenze necessarie a ricoprire lo stesso con piena cognizione di causa.

Siamo ovviamente consapevoli del fatto che in questo momento di grande cambiamento sia richiesta a tutti una grande elasticità e ci rendiamo conto di come possa risultare difficile rispettare tutti i crismi e le indicazioni operative e di sicurezza che l’Azienda formalmente ci chiede di rispettare.

Dobbiamo però essere consci che i tempi e la stessa Banca stanno cambiando e che i comportamenti che un tempo venivano tollerati oggi non lo sono più; l’Azienda, inoltre, si sta dimostrando sempre meno incline a pagare per gli errori operativi nonostante ci sia un Contratto Nazionale che all’articolo 43 prevede che l’azienda debba tenere indenni i propri dipendenti dai danni causati a terzi.

Per queste ragioni vi invitiamo a porre la massima attenzione alle normative vigenti, ai regolamenti, ai mansionari, alle indicazioni operative che vengono di volta in volta emanati dall’azienda e la cui inosservanza potrebbe farvi incorrere in un provvedimento disciplinare. Non vogliamo allarmarvi o crearvi ulteriori preoccupazioni, ma vogliamo solo rendervi consapevoli di quello che purtroppo si sta verificando con sempre maggior frequenza e di cui bisogna prendere atto.

Vi consigliamo di non assumervi responsabilità che non vi sono richieste e di non prendere iniziative inosservanti delle disposizioni vigenti, in particolare nei confronti della clientela. Se sono previste direttive stringenti è per evitare danni e truffe a carico della banca. Anche se il mancato rispetto delle regole fosse dettato esclusivamente dalla buona fede e dall’unica volontà di “voler tenere” o venire incontro al cliente per non creargli fastidi, queste circostanze non verranno considerate fattori attenuanti.

Vi esortiamo ad evitare di dare corso, senza riflettere, anche a richieste anomale e/o border line rispetto alle corrette prassi aziendali che arrivino da colleghi, superiori e responsabili; un semplice visto sul documento in alcuni casi non è stato sufficiente a sollevare i colleghi dalle responsabilità individuali di conoscenza, applicazione e rispetto della normativa.

Vi suggeriamo, inoltre, di adottare utili prassi interne per evitare doppie esecuzioni di operazioni impartite da clienti.

A titolo esemplificativo ma non esaustivo vi segnaliamo i casi che più recentemente hanno causato molteplici provvedimenti disciplinari a carico di colleghi:

  • richieste di effettuare bonifici ricevute via mail che si sono rivelate truffe perpetrate tramite la clonazione della mail del cliente;
  • operazioni effettuate a terminale con matricole di altri colleghi;
  • passaggi di valori tra casse effettuati senza i controlli previsti.

Tutto ciò premesso, rimane ovviamente ferma la nostra massima disponibilità a supportarvi nel caso siate coinvolti in una contestazione disciplinare, suggerendovi di contattarci immediatamente, anche a fronte di richieste estemporanee, e di astenervi da iniziative individuali.
Rimaniamo, come sempre, a disposizione per ogni consiglio, chiarimento o confronto che vi fosse utile al riguardo.

Vi informiamo, inoltre, che nel sito fabigruppobper.it, oltre alle ultime notizie e informazioni utili, potete trovate i nominativi dei referenti sindacali della vostra zona di riferimento.

23/02/2017

Segreteria di Coordinamento F.A.B.I. BPER

Apri/scarica IL FARO